Italiano  English  

Ankylosaurus magniventris (2) - piastra

Prezzo :
245,00
  • Codice Prodotto: F23682
  • Prodotto Disponibile
Per questo prodotto è possibile aggiungere un solo elemento nel carrello

Descrizione

Provenienza : South Dakota (USA) Harding County - Hell Creek Formation

Era Geologica : Cretaceo superiore (Maastrichtiano)

Età : 66 milioni di anni

Misura : 29,7 gr - mm 52 x 43 x 8


scudo osseo (osteoderma) fossile di dinosauro corazzato erbivoro, 29,7 gr - mm 52 x 43 x 8.
Condizioni eccellenti, presenta una gradevole trama di superficie, con ancora evidenti i solchi della capillarizzazione sanguigna. Non ha subìto alcun restauro.


Ankylosaurus (Ornithischia, Thyreophora, Ankylosauridae, Ankylosaurinae), il cui nome dal greco significa letteralmente "lucertola fusa", è un genere estinto di dinosauro erbivoro vissuto nel Cretacico superiore, circa 68-66 milioni di anni fa (Maastrichtiano), in quello che oggi è il Nord America, il che lo rende uno degli ultimi dinosauri a comparire prima della grande estinzione K-T. Ankylosaurus fu descritto per la prima volta nel 1908, da parte del paleontologo Barnum Brown, e attualmente la specie tipo, A. magniventris, è l'unica specie ascritta al genere Ankylosaurus. Dalla sua scoperta, sono stati rinvenuti solo una manciata di esemplari frammentari, ma non è mai stato ritrovato uno scheletro completo. Anche se la maggior parte dei membri degli Ankylosauria sono rappresentati da materiali fossili ben più completi, Ankylosaurus è spesso considerato come l'archetipo del suo gruppo.
Con una lunghezza massima di 6 m, un'altezza di quasi 2 m e un peso di 6 tonnellate, nonostante lo scarso materiale fossile, Ankylosaurus è ancora oggi considerato il genere più grande degli Ankylosauria. Il suo corpo ampio e robusto era sorretto da quattro corte ma robuste zampe, ed era ricoperto da una spessa corazza di manopole e piastre ossee conosciute come osteodermi o scudi, incastonate nella sua pelle e disposte ad anelli che circondavano anche la regione del collo. Queste strutture non sono mai state ritrovate nella loro posizione originale, quindi la loro esatta collocazione sul corpo è sconosciuta, sebbene possano essere fatte congetture basandosi su animali correlati, per cui sono stati proposti vari assembramenti. Gli osteodermi variavano da 1 a 35 centimetri di lunghezza e presentavano forme diverse. Quelli dell’Ankylosaurus erano generalmente a parete sottile e scavati nella parte inferiore. Piccoli osteodermi e ossicini probabilmente occupavano lo spazio tra quelli più grandi per consentire il movimento. Gli osteodermi che coprivano il corpo erano molto piatti, al contrario dell'Euoplocephalus o del nodosauride Edmontonia. Anche altri anchilosauridi hanno spesso molti osteodermi più piccoli che circondano quelli più grandi. A causa della suo imponente corazza, l’Ankylosaurus non doveva essere un animale molto veloce, quindi si pensa che fosse un animale lento, in grado di fare movimenti rapidi e scattanti solo in caso di necessità.
La sua testa larga e bassa, disponeva di due piccole corna che diramavano all'indietro e un altro paio della stessa forma ma che invece puntavano verso il basso. La parte anteriore delle mascelle erano coperte in un becco corneo, dotato di una fila di piccoli denti a forma di foglia. Le ossa del cranio erano fuse, il che dava maggiore resistenza alle ossa, tale caratteristica dà anche il nome al genere.
Il suo muso largo e appiattito indica che era un erbivoro, poco selettivo in grado di masticare e strappare qualunque tipo di vegetale. I seni e le cavità nasali erano eccezionalmente sviluppati il che indica uno sviluppatissimo senso dell'olfatto, oltre ad aver fatto supporre ai paleontologi che l'animale potesse emettere vari tipi di vocalizzazione.
La sua lunga coda corazzata finiva di una grossa mazza lunga 60 centimetri composta di osteodermi fusi, simile a quella di Euoplocephalus e Scolosaurus, ma differente dalla mazza appuntita di Anodontosaurus o dalla mazza stretta e allungata di Dyoplosaurus. La mazza caudale dell'Ankylosaurus era un'ottima arma offensiva, in grado di produrre un impatto abbastanza forte da rompere le ossa di un possibile aggressore: spinta con violenza la mazza caudale avrebbe certamente potuto rompere il metatarso di grandi teropodi come Tyrannosaurus. E' probabile che venisse usata anche nei combattimenti intraspecifici.
I fossili di questo animale sono stati ritrovati nelle formazioni Hell Creek, Lance e Scollard, ma in tutte le aree sembra essere stato un animale piuttosto raro nel suo habitat. Anche se ha vissuto accanto ad un altro anchilosauride, Edmontonia, pare che i due animali non siano mai entrati in competizione, in quanto occupavano nicchie ecologiche differenti, infatti, l'anchilosauro sembra abbia abitato le zone più montane. L’Ankylosaurus condivideva il suo habitat con altri dinosauri che includevano i ceratopsidi Triceratops e Torosaurus, il parksosauride Thescelosaurus, l'hadrosauride Edmontosaurus, il nodosauride Denversaurus, il pachycephalosauro Pachycephalosaurus, e i teropodi Anzu, Struthiomimus, Ornithomimus, Dakotaraptor, Acheroraptor, diversi troodontidi, e Tyrannosaurus.



Per informazioni e qualsiasi tipo di comunicazione si prega cortesemente di inviare una mail (vedi Contatti): sarete ricontattati il prima possibile.

Si rammenta che le mail inviate prive dell'oggetto o con scritto "info" o altra dicitura generica, verranno cestinate come precauzione da virus e spam.

Non dimenticate di leggere le condizioni di vendita a fine pagina (footer), PRIMA di effettuare un acquisto!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere sempre informato sulle nostre novità e promozioni

Idee Regalo (clicca sulla foto)
Back to Top