Italiano  English  

Revueltosaurus callenderi(2) dente

Prezzo :
16,00
  • Codice Prodotto: F24507
  • Prodotto Disponibile
Per questo prodotto è possibile aggiungere un solo elemento nel carrello

Descrizione

Provenienza : New Mexico (USA) - Bull Canyon Formation (Dockum Grp. San Miguel Co.)

Era Geologica : Triassico superiore (Norico)

Età : 227-208 milioni di anni

Misura : mm 3


raro dente fossile di dinosauro primitivo, grosso arcosauro tecodonte simile al coccodrillo, mm 3, in scatolina plexiglas diam. cm 3.
Buona conservazione e ottimo reperto rappresentativo.


Revueltosaurus ("lucertola di Revuelto", in giapponese レベルトサウルス) è un genere estinto di Crurotarsi preistorici (prosauropodi pseudosuchi  crocodilomorfi) vissuti a partire dalla fine del Triassico nel New Mexico e in Arizona, circa 215 milioni di anni fa.
Lungo meno di un metro, questo animale possedeva una lunga coda e un corpo massiccio, sorretto da potenti zampe artigliate. Il corpo era dotato di una sorta di carapace, costituito da un'armatura di piastre allungate che ricoprivano parzialmente il dorso e il ventre. La caratteristica più evidente del revueltosauro, però, era data dal cranio: questo era davvero grande in relazione al resto del corpo, e poteva raggiungere una lunghezza di venti centimetri. Molto voluminoso, il cranio era però piuttosto leggero a causa delle ampie finestre antorbitali. La dentatura del revueltosauro era altrettanto caratteristica: i denti, infatti, erano a forma di foglia e frastagliati, molto simili a quelli dei dinosauri ornitischi primitivi.
I primi resti noti di revueltosauro furono alcuni denti rinvenuti in Nuovo Messico, descritti nel 1989 da Adrian Hunt e ritenuti appartenere a un antico dinosauro ornitischio. Successivamente vennero ritrovati altri denti simili in varie località degli Stati Uniti, e vennero attribuiti ad altri generi di dinosauri ornitischi. Nel 2002, altri denti vennero descritti come resti di una nuova specie di revueltosauro (Revueltosaurus hunti), e in seguito attribuiti a un altro genere (Krzyzanowskisaurus).
Solo nel 2004 vennero alla luce numerosi resti più completi di revueltosauro, nella Foresta Pietrificata dell'Arizona. Centinaia di ossa di questo animale hanno permesso di comprendere la vera natura di Revueltosaurus: non un dinosauro, ma un parente alla lontana dei coccodrilli, diverso da ogni altro arcosauro noto fino ad allora. La dentatura simile a quella dei dinosauri ornitischi, quindi, era semplicemente un fenomeno di convergenza evolutiva; ciò ha rivoluzionato quanto si sapeva sinora sui dinosauri ornitischi del Triassico del Nord America, Europa e del resto del mondo, tranne che per il Sud America, dimostrando che non si può contare sulla dentizione per determinare se si tratta o meno di un dinosauro primitivo. I denti di Revueltosaurus, infatti, differiscono da quelli degli altri ornithischi ma per la maggior parte sono molto simili a quelli degli heterodontosauridi.La scoperta degli scheletri di Revueltosaurus ha inoltre gettato nuova luce sui numerosi denti isolati ritrovati in varie parti del Nordamerica e precedentemente attribuiti a dinosauri ornitischi (Lucianosaurus, Pekinosaurus, Tecovasaurus). Dato che tutti i presunti ornitischi del Triassico sono conosciuti solo da denti e frammenti di mandibola (con le eccezioni di Eocursor e Pisanosaurus), la scoperta ne ha pertanto contestato la validità.
Attualmente il revueltosauro è considerato un membro dei crurotarsi, il grande gruppo di arcosauri oggi rappresentato dai soli coccodrilli, ma che all'inizio del Mesozoico era molto più diversificato. Il revueltosauro possedeva un miscuglio di caratteristiche (il grande cranio simile a quello dei rauisuchi, i denti da ornitisco, la corazza simile a quella degli aetosauri, un tempo inseriti tra i tecodonti, un raggruppamento caduto in disuso) che non hanno finora permesso di stabilire le reali parentele dell'animale.
I denti a forma di foglia del revueltosauro lo denotano come un animale erbivoro, che probabilmente strappava ciuffi di fogliame e felci grazie ai potenti arti. Non è chiaro a cosa servisse l'enorme e leggero cranio: solitamente un cranio del genere è compatibile con attitudini carnivore. La corazza dorsale e ventrale, in ogni caso, doveva proteggere il revueltosauro dagli attacchi dei predatori come Coelophysis e Postosuchus.



Per informazioni e qualsiasi tipo di comunicazione si prega cortesemente di inviare una mail (vedi Contatti): sarete ricontattati il prima possibile.

Si rammenta che le mail inviate prive dell'oggetto o con scritto "info" o altra dicitura generica, verranno cestinate come precauzione da virus e spam.

Non dimenticate di leggere le condizioni di vendita a fine pagina (footer), PRIMA di effettuare un acquisto!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere sempre informato sulle nostre novità e promozioni

Idee Regalo (clicca sulla foto)
Back to Top